Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta miopia

Esami della vista: cosa ci dicono?

Immagine
Ho già parlato delle molteplici abilità del sistema visivo; oggi daremo una rapida occhiata ai test soggettivi in relazioni a tali capacità e cosa possiamo fare per gestirne i risultati. Per molti test vengono usati gli ottotipi: ovvero le tabelle di lettere, che possono essere usate sia da lontano che da vicino. Alcune note: I test da lontano devono essere eseguiti considerando una distanza di almeno 4 metri Quelli da vicino si fanno quasi tutti a 40cm. L'illuminazione deve essere tenuta sotto controllo e considerata nei test Le tabelle di riferimento devono essere sempre le stesse, altrimenti i test possono dare risultati diversi (10/10 su una tabella di Snellen possono diventare 8/10 su una moderna ad affollamento costante) Ogni persona va considerata come un mondo a sé, con diverse esigenze, necessità, aspettative e problemi: i controlli hanno alcuni punti fissi e ripetibili ma alcune parti vanno fatte su misura. Acuitá visiva Si usano le tabelle ottotipiche con le lettere, num

Occhiali elettronici per curare la miopia

Immagine
Occhiali elettronici per curare la miopia Ho sempre detestato la definizione "curare" riguardo alla miopia: la miopia non é una malattia . Si tratta di un occhio piú sviluppato dell'effettivo necessario e che porta a delle difficoltá visive; é come se dicessimo che essere alti é una malattia. É anche vero che non va presa sotto gamba e bisogna intervenire ai primi sintomi perché, anche se non é una malattia, ci sono diverse patologie retiniche associate ad una miopia elevata ! In realtá la si studia da sempre e se ne sa ancora poco ma di recente tutti i produttori di lenti si stanno concentrando per proporre una soluzione. Tutto é nato dal fatto che, dati alla mano, le miopie gestite con ortocheratologia non progredivano tanto quanto quelle gestite con mezzi piú tradizionali. S'é visto che un defocus ipermetropico periferico é utile allo scopo di rallentare l'avanzamento della miopia. I produttori di lenti a contatto hanno cominciato a studiare come costruire lent

I raggi UV fanno bene, I raggi UV fanno male.

Immagine
La questione mi ricorda molto una canzone dei CCCP che diceva: Io sto bene Io sto male Io non so come stare Cosa dice la scienza? Analizziamo con il metodo scientifico! si osserva il fenomeno raccogliendo dati si formula una ipotesi  si verifica l'ipotesi attraverso esperimenti l'ipotesi é confermata? SI, si formula una legge che spiega il fenomeno NO, si formulano nuove ipotesi e si riprende dal secondo punto  Il metodo scientifico é uno strumento molto valido e non esclude che, se alla luce di nuove scoperte, si possano rivedere affermazioni passate. Parliamo di raggi Ultravioletti. I raggi UV vengono emessi dal sole e filtrati dall'atmosfera. Sulla terra ne arriva solo una piccola parte . Si tratta di radiazione elettromagnetica a lunghezza d'onda corta. Lunghezze d'onda piú corte degli UV sono i raggi X. Stanno proprio tra i raggi X e lo spettro del visibile (lunghezze d'onda che possiamo percepire con i nostri occhi). Sono responsabil

Guarire dalla miopia

Immagine
Alcuni siti, gruppi, libri e metodi millantano la possibilitá di poter guarire dalla miopia . Ma si puó davvero guarire dalla miopia? Cosa é la miopia Innanzitutto dobbiamo sapere con cosa abbiamo a che fare. La miopia in se non é una malattia ; definisce solo che le immagini vengono focalizzate prima di raggiungere la retina. Ci sono inoltre diversi classificazioni di miopia: assiale, quindi causata dal fatto che abbiamo un occhio piú lungo del necessario refrattiva, dovuta ad un diverso indice refrattivo o curvatura dei mezzi ottici accomodativa, generata da una contrazione del muscolo ciliare (pseudomiopia) In genere nasciamo tutti ipermetropi (occhio troppo corto) e crescendo il sistema si adatta per vedere da distante (emmetropia) senza sforzo; se il bulbo oculare cresce troppo si incappa nella miopia assiale. Quindi la miopia, se non causata da una patologia vera e propria, non é una malattia ne una deformazione. É piú simile ad un parametro come puó essere la statura. Il fatto

Debunking

Immagine
Il dubbio... Recentemente un paio di commenti mi hanno fatto venire un dubbio: probabilmente non mi esprimo bene . In effetti i miei voti in italiano non hanno mai superato il 6.... i miei temi erano piuttosto brevi ed mi sembra un miracolo che ora riesca a scrivere tanto (o forse all'epoca non avevo molto da dire). Ma non é la prima volta che mi trovo a rispiegare cose giá dette, per cui devo presupporre che non le ho spiegate bene . In questo specifico caso prenderó uno dei commenti scritti nel blog; piú precisamente ad un articolo scritto ad Agosto : vengono espressi dei dubbi sulla veridicitá delle ricerche sui raggi ultravioletti e sulla progressione miopica. Vai col debunking! Si dice Debunking quando delle informazioni errate (spesso derivate da credenze piú che da ricerche) vengono sfatate/corrette/verificate . Premesso questo, cerchiamo di fare chiarezza. Come faccio di solito i miei commenti saranno in rosso. Anonimo scrive: Salve, v

Lenti con effetto di ingrandimento dell'occhio

Immagine
Parleró di lenti per ipermetropia.... ma premetto che le medesime regole sono valide per la miopia o qualunque altra lente. Avete presente quell'effetto di ingrandimento che hanno alcune lenti? Parleremo proprio di quello! Premessa Le lenti servono a mettere a fuoco ció che osserviamo , ma non sono esenti da "effetti collaterali" . Uno di questi é la variazione della dimensione delle immagini : attraverso lenti positive tutto puó sembrarci piú grande, guardata attraverso le lenti negative ogni cosa ci sembra piú piccola. Questa regola vale anche per chi ci osserva che potrebbe notare i nostri occhi ingranditi o ridotti rispetto a quanto siano senza lenti. Oggi esporró le questioni relative al solo fattore estetico . A sentire gli ipermetropi vorrebbero lenti per miopi, che riducono le dimensioni degli occhi . I miopi preferiscono l'effetto della lente positiva a quello della negativa . ...e poi ci sono persone a cui interessa meno e a cui basta

con l'avanzare dell'etá si recupera la vista?

Immagine
"mi hanno detto che con l'avanzare dell'etá avrei recuperato un po' di vista" Si tratta di una affermazione che sento spesso ed é legata ad un presunto miglioramento della vista e abbassamento delle gradazioni. vi assicuro  che questo tizio toglie gli occhiali e ci vede bene! Premetto che l'occhio é soggetto a molteplici variazioni nel tempo . Da bambini si é piú predisposti all'avanzamento della miopia o alla riduzione dell'ipermetropia, da adulti subentra la presbiopia. Vi sono infinite condizioni , sia legate a patologie che allo stress o all'ambiente, che inducono a continue piccole variazioni . Tra tutte queste micro modifiche, alcune portano ad una visione migliore e piú precisa , altre a situazioni di disconfort . In linea di massima non userei i termini come "miglioramento" o "peggioramento"; preferisco si parli di variazione . Si sente spesso che nei miopi la vista migliori attorno ai 45 anni. Ma co

Prevenire la miopia tool

Immagine
Ho giá affrontato l'argomento dando il mio parere personale sulle varie pratiche. Voglio riaffrontarlo portando i dati di varie ricerche, raccolti in un tool , consultabile al seguente indirizzo: https://calculator.brienholdenvision.org/ É approsimativo ma puó fornire una idea... É sufficiente compilare i campi: Etnia. Vi sono differenti studi e reazioni tra asiatici e caucasici. Etá . in funzione dell'etá si ha uno sviluppo del corpo differente. Errore refrattivo. Le diottrie in uso, correlate all'etá e all'etnia, indicheranno in che modo potrebbe svilupparsi la miopia. Sistema di controllo della miopia. A seconda del tipo di sistema usato si possono avere maggiore o minore sviluppo. Il grafico indicherá in che modo si potrebbe sviluppare la miopia entro i 17 anni. In rosso se non vi fosse alcun sistema di controllo applicato (solo uso di lenti monofocali). In verde con il sistema di controllo indicato. Si noti che il grafico si allarga con l&#

Bloccare la miopia? Cosa funziona e cosa no.

Immagine
Di tanto in tanto mi trovo a confrontarmi con medici che criticano alcune scelte degli optometristi. C'é ancora una certa diffidenza da parte dei medici sulle pratiche di ortocheratologia (che da anni invece dimostrano la loro efficacia). Qualcun'altro invece non crede che con l'uso di lenti sottocorrette porti a ridurre l'avanzamento della miopia. Di recente una cara amica, in occasione del controllo della vista del suo ragazzo, ha chiesto al medico oculista cosa ne pensasse del fatto che lei, per lavorare al pc, usasse gli occhiali precedenti (sottocorretti di 0,50). Le é stato detto che non serve a nulla. In effetti questo  articolo pubblicato su platform-optic.it  dimostra che con addizioni di +1 o +2 sul potere della lente da lontano non vi sia stata una variazione significativa. Maggiore fu il contenimento della miopia nei soggetti che aveva una esoforia prossimale. Nel 1985 Grosvenor, Perrigin e Maslovitz condussero su 212 bambini miopi uno studi

Miopia, ipermetropia e Presbiopia. Un ripassino su cosa sono.

Immagine
Questo blog nasce per spiegare con parole semplici le cose che ci dicono i medici, gli optometristi e gli ottici. Mi fa un po'sorridere quando i clienti mi dicono:  "Sono miope, astigmatico e presbite! le ho tutte!" Ma tutte queste parole definiscono solo la forma del nostro occhio (non é proprio cosí ma per semplificare molto la questione consideratela una affermazione corretta). Si chiamano ametropie, andiamo a vederle insieme: ipermetropia miopia Miopia: occhio troppo lungo. Ipermetropia: occhio troppo corto. Astigmatismo: occhio ovalizzato. L'unica cosa che non definisce la forma dell'occhio é la presbiopia. Una volta risolte le ametropie sopra descritte vediamo bene da lontano... ma per mettere a fuoco gli oggetti vicini usiamo un procedimento che prende il nome di accomodazione che generalmente comincia a perdere colpi attorno a 45 anni. Quando vediamo bene da lontano (che sia con o senza correzione) e facciamo fatica a vedere

Prevenire e fermare la miopia.

Immagine
Prevenire e fermare la miopia non é un argomento nuovo. Giá nel 1970 se ne parlava. Per dimostrarlo vi riporto un estratto dal libro:  Valutazione e trattamento dei disturbi visivi funzionali di Vittorio Roncagli (pp 196) Pierce valutò l'effetto delle lenti positive per la visione prossimale confrontando l'attivazione di quattro variabili psicofisiologiche (tasso cardiaco, risposta elettromiografia, tasso respiratorio, e livello di resistenza basale della pelle), la postura, la distanza di lettura e la velocità di lettura. I soggetti furono esaminati in tre diverse condizioni: Senza uso di un'addizione; Con lenti di sfera +0.50 dt (valore prossimo a quello ricavato dall'Analisi visiva); Con lenti di sfera +1.00 dt (lievemente eccessivo rispetto al valore riscontrato nell'Analisi visiva). I soggetti con lenti di +0.50 dt dimostrarono una riduzione dell'attività fisiologica, una migliore postura e distanza di lettura e una maggiore velocit

4 consigli per prevenire la miopia

Immagine
Una volta un mio professore mi disse: " l'ambiente definisce la funzione; la funzione modifica l'organo ". Sembra una frase tratta dalle teorie evoluzionistiche del Lamarckismo , ma non parleremo di evoluzione e lasceremo in pace anche Darwin. Parleremo di adattamento alle condizioni ambientali;  la miopia spesso rappresenta questo adattamento. Normalmente i bambini nascono ipermetropi: l'occhio é corto ma il sistema visivo riesce a vedere nitidamente da lontano sfruttando i meccanismi utili a focalizzare da vicino. Questi meccanismi fanno aumentare la pressione interna dell'occhio spingendo il bulbo ad allungarsi fino a raggiungere una dimensione tale da poter vedere nitidamente da lontano senza fare sforzo. Tuttavia quando guardiamo da vicino ecco che li riattiviamo, aumentando di nuovo la pressione interna e la trazione dei muscoli che muovono gli occhi, stimolando nuovamente l'allungamento del bulbo oculare e causando la miopia. Spess