occhiali premontati

Sapete cos'é un occhiale premontato?
Li trovate dall'ottico, in farmacia, dal giornalaio, dal tabaccaio e in autogrill:
sono quegli occhiali economici che trovate giá pronti, fatti in serie e con materiali scadenti.

Se chiedete ad un optometrista cos'é un occhiale premontato potrebbe dirvi che é "il male".
Perché sia l'ottico che l'optometrista sanno che i premontati, oltre ad essere costruiti come occhiali usa e getta, hanno altre caratteristiche in comune:
  • stesse gradazioni per entrambi gli occhi
  • poteri che vanno da +1 a +3,50
  • assenza di correzione per astigmatismo
  • variazione potere 0,50 (non sempre si trovano le variazioni di 0,25)
  • tutti centrati con la stessa distanza interpupillare: 62mm
Di queste, la caratteristica che maggiormente mi preoccupa é la distanza interpupillare, prestabilita a 62 mm.
Significa che se la tua misura della semidistanza é di 58mm ci sono ben 4 millimetri di troppo!
Ben 2 mm per occhio.

Sembrano pochi ma possono essere piú di quanto ci si immagini. la legge, riguardo gli occhiali su misura, tollera un decentramento di 0,5 diottrie prismatiche. Il valore non é espresso in millimetri perché questi possono variare in funzione delle diottrie. Il calcolo per verificare il decentramento tollerato dalla legge é semplice: il valore espresso in diottrie prismatiche (0,5) diviso il potere delle lenti (ad esempio 3), il tutto moltiplicato per 10.
[(0,5/3)*10] = 1,66.

Quindi, se ho un occhiale da 3 diottrie decentrato di 2 millimetri per occhio, risulterá oltre i limiti di legge (1,66 mm) rispetto ad un occhiale su misura. Mezza diottria prismatica é comunque un valore di tolleranza relativamente basso.... tuttavia non é da sottovalutare: quando gli occhi non sono allineati ai centri ottici attueranno delle strategie per non vedere doppio e si abitueranno ad esse; tale abitudine, alla lunga, deteriora il sistema visivo.
É un po' come zoppicare: cammineró, certo, ma con il tempo affaticheró di piú una gamba o mi verrá mal di schiena.

L'esempio riportato é con un decentramento su 3 diottrie, ma potrete calcolare facilmente qual'é il valore di tolleranza applicabile ad ogni potere. Per comoditá vi riporteró le tolleranze relative ai alle gradazioni:
  • +1,00 tolleranza di 5 mm
  • +1,50 tolleranza di 3,3 mm
  • +2,00 tolleranza di 2,5 mm
  • +2,50 tolleranza di 2 mm
  • +3,00 tolleranza di 1,6 mm
  • +3,50 tolleranza di 1,4 mm
  • +5,00 tolleranza di 1 mm (vietato, non li troverete in commercio)
Avrete notato che, mantenendo un limite di mezza diottria prismatica invariato, i millimetri che possiamo sfruttare si riducono.
Oltre al +3,50 i valori di tolleranza sono cosí bassi che la legge ne vieta la vendita. 

Un altro rischio é quello di autoprescriversi le lenti; queste possono interagire negativamente e alterare il sistema visivo ma senza dare sintomi. É una pratica che sconsiglio... in linea di massima suggerirei di optare per le gradazioni piú basse possibili.

Con questo non voglio accusare gli occhiali premontati affermando che siano "il male assoluto".
Rappresentano una soluzione economica per brevi letture (una rapida occhiata all'elenco telefonico o al menú del ristorante) ma non sono idonei ad un uso prolungato (lettura di un libro o lavoro al pc, in genere tutte quelle attivitá che impegnano piú di 10 minuti).

Colgo l'occasione per sconsigliare di nuovo la pratica di autoprescrizione e consultare almeno un optometrista prima dell'acquisto di tali dispositivi.

Commenti

  1. Nicola - Riviera di ponente20 aprile 2019 15:17

    Gentile signor Gieri,
    mi scusi se posto questo commento che non riguarda i premontati, ma le montature in generale. Io ho il problema di avere una testa grossa (circonferenza cm. 62 passando per setto nasale e attaccatura delle orecchie) con volto quadrato, cicciotto e fronte diciamo ampia, e raramente gli ottici da cui mi sono servito mi hanno dato montature che calzavano bene sulle orecchie. Ora devo cambiare gli occhiali. La montatura Rodenstock R5278 B140 che indosso da quattro anni ha dato problemi da subito: le astine, oltre ad allargarsi verso l‘esterno (con continui interventi dell’ottico), poggiano appena sul naso e, inclinando la testa in basso, cadono; d’altronde, tirandole indietro, toccano le ciglia. L’ottico mi ha detto che la deformazione delle astine è causata dal calore del cranio e sarebbe preferibile usare una montatura in metallo (ma a me non piacciono); per la lunghezza delle astine si potrebbe usare la montatura di un paio di occhiali da sole che hanno anche modelli con misure più grandi.
    Adesso, prima di fare la spesa, sono molto indeciso. Non so cosa fare. Buona Pasqua!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno. In effetti non ho mai scritto alcun post che parli delle misure degli occhiali (ma mi sono appuntato di scriverne uno). Quindi non si preoccupi.

      Riguardo le misure di circonferenza della testa mi coglie impreparato: non possedendo un metro da sarto (mia nonna ne ha sicuramente uno) a portata di mano non ho idea di cosa significhi tale misura... tuttavia mio padre ha una testa enorme (vedo se riesco a convincerlo a scrivere la sua opinione in merito).

      Il fatto che le astine si allarghino é legato a molteplici fattori:
      -le lenti, in particolar modo quelle negative, spingono ad un appiattimento della parte frontale della montatura, che mediamente ha un angolo di 7 gradi tra lente e lente; se l'angolo si riduce anche le aste si allargano
      -il cranio umano, ha la parte posteriore piú larga.
      -le montature in acetato di cellulosa sono sensibili alle temperature. Il corpo umano sviluppa circa 36/37 gradi; tali temperature riducono la resistenza meccanica dell'acetato.
      -il metallo subisce meno gli effetti sopra descritti, tuttavia é un materiale duttile e anch'esso puó cedere.
      -le plastiche iniettate (ad esempio il tr90 o l'o-matter di Oakley) sono quelle che subiscono meno variazioni ed hanno maggiore elasticitá. Richiedono forse qualche accortezza in piú (alcuni prodotti chimici possono danneggiarle), ma sono una soluzione valida.

      Una alternativa possono essere gli occhiali da sole. Spesso hanno un calibro (larghezza lente) piú elevato. Si puó guadagnare 1 cm in larghezza, rispetto agli occhiali che porta attualmente. Riguardo la misura dell'asta ci sono egli standard (140-145), ma se questa procede dritta invece che inclinata si potrá sfruttarne maggiormente la lunghezza.
      La curvatura terminale dell'asta puó essere modificata (entro certi limiti) e spostata in posizione arretrata.

      Potrá provare gli occhali da sole come se fossero da vista chiedendo all'ottico di rimuovere le lenti momentaneamente: gli unici occhiali che rendono difficoltosa tale operazione sono quelli con lenti di vetro. Potrebbe peró provarli, e se li sentisse comodi chiedere la momentane rimozione delle lenti scure per vedere l'effetto che avrebbero.

      Elimina
  2. Gli occhiali premontati"economici",si possono togliere le lenti e montarci lenti da vista di buona qualità,risparmiando parecchio sulla montatura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É una pratica che sconsiglio.

      Spesso le montature dei premontati sono costruite con polimeri scadenti o i metalli hanno saldature di bassa qualitá Talvoltano non presentano la possibilitá di aprire il cerchio per inserire la lente.
      Ne risulta che subiscono maggiore stress durante il montaggio e con l'uso quotidiano rischiano di rompersi piú facilmente.

      Tenete presente che minore é il prezzo e piú si risparmia sui costi di produzione. Ci sono occhiali che costano poco (made in cina per lo piú) che funzionano meglio dei premontati (in cui una quota del prezzo é anche per le lenti).

      In termini di riparabilitá: se si rompe un premontato le viti sono strane e fuori dagli standard. Le aste pure. Ricambi non sappiamo dove reperirli.

      Quindi, si a occhiali che possono costare poco. No a occhiali che costano TROPPO poco. I premontati spesso rientrano in questa categoria.

      I clic originali ad esempio nascono come premontati ma hanno una struttura abbastanza elastica da permettere l'installazione in sicurezza delle lenti.... infatti costano tra 60 e 80 euro (non ho i listini aggiornati)

      Elimina

Posta un commento