Quale colore scegliere?

Terzo e ultimo capitolo sulla mini guida agli occhiali da sole.
Qua potete leggere gli altri due:

Oggi parliamo di scelta del colore.
Quale colore scegliere?
Studiando ottica mi hanno insegnato che i miopi vedono meglio con lenti marroni e gli ipermetropi con lenti verdi... in realtá non é cosí semplice. Andiamo ad analizzare caso per caso.

Rosso o verde?

  1. Lievissima miopia (valore -0,25) non corretta.
    In questo caso portare o meno la correzzione potrebbe non influire particolarmente sulla nitidezza della visione. Considerato che il miope ha un occhio "piú lungo" e che la radiazione che percepiamo come rosso "arriva lunga" ecco che avrá maggiore nitidezza indossando lenti con colori caldi (marrone)
  2. Lieve ipermetropia non corretta o sottocorretta.
    In questo caso l'occhio é "piú corto" e la frequenza che si focalizza meglio sulla retina é quella che percepiamo come colore verde. l'occhio godrá di maggiori dettagli con una lente con tonalitá sul verde.
  3. Un occhio perfettamente emmetrope, privo della minima ametropia vedrá meglio con un colore neutro, ad esempio il grigio. Un occhio miope o ipermetrope con una perfetta correzione risulterá emmetrope. Nota: la perfetta correzione potrebbe non corrispondere alla giusta correzione.
  4. Astigmatismi: dipende se la componente dominante é ipermetropica o miopica ed il livello di correzione. Segue piú o meno le stesse regole dei punti successivi.
  5. Miope sottocorretto: vedi punto 1
  6. Miope sovracorretto: vedi punto 2
  7. Ipermetrope sovracorretto vedi punto 1
Ora verrebbe da chiedersi? Sono miope, Ipermetrope? Sottocorretto? Sovracorretto? 
Per saperlo é sufficiente un test bicromatico: una tabella rossa e verde con delle lettere. Se si vede meglio sul verde optate per lenti verdi, sul rosso meglio lenti dai toni caldi. Attenzione peró! Il test va eseguito seguendo regole su illuminazione (bassa) e distanza (elevata)... sennó non funziona! Non é quindi possibile farlo in casa correttamente.

E il blu?

Il blu é una brutta persona.
Si tratta di una lunghezza d'onda corta, carica di energia e responsabile di fenomeni legati ad abbagliamento (diffondanza) e riduzione dei contrasti (scattering).
In linea di massima non é un colore che, personalmente, consiglierei se non per fini estetici o su richieste specifiche. (Sennó che senso avrebbe la protezione dalla luce blu?)

Scegliere provando

Nonostante si possa analizzare scientificamente le frequenze luminose, stabilendo quali sia meglio eliminare e quali lasciar passare, non é detto che diversi occhi le accettino allo stesso modo.
Ogni persona é un mondo a se: un daltonico, a causa della conformazione retinica, potrebbe vedere meglio con un colore caldo anche se ipermetrope; in presenza di cataratta un filtro azzurro potrebbe contrastare cromaticamente i colori ingialliti dal cristallino; per questioni di cromoterapia (NB: non é il mio campo) vorrei le lenti rosa!

Le possibilitá sono virtualmente infinite e vanno valutate anche soggettivamente al fine di scegliere la soluzione ideale "ad personam".

I colori vietati.

Lo sapevate che alcune colorazioni sono vietate alla guida?
Non solo le lenti troppo scure ma anche determinati specifici colori che possonorendere difficoltosa contrasto la lettura della segnaletica stradale. L'immagine che segue ne é un esempio.


Da sinistra a destra.
Il primo cartello é stato fotografato senza alcun filtro.
Nel secondo ho simulato un filtro blu di classe 3.
Nel terzo uno verde classe 3 della stessa intensitá di quello precedente.

Noterete che la lettura attraverso filtro blu é meno immediata: manca di contrasto ed é una situazione in cui il cartello potrebbe essere compreso solo quando é molto vicino (se a 40 km orari vi sembra di andare piano ricordate che state percorrendo ben 11 metri ogni secondo!)

Difficilmente le troverete tra gli occhiali da sole; diverso invece il discorso sulle colorazioni medicali (vale anche per alcuni filtri Wellness prodotti da Eschenbach), in quanto possono rientrare nella categoria dei colori vietati.

Conclusioni

Potete prendere come punto di partenza la vostra situazione visiva per scegliere un colore di base e da li provarli. Consultatevi con il vostro ottico di fiducia che si presume conosca sia i prodotti che vende che le normative a cui devono sottostare.

Commenti