Lenti antivirus - ne sentivate il bisogno?

 
Forse un caso, forse una operazione di marketing:
Zeiss ha  aggiunto nei suoi listini i trattamenti antivirus.

Mi é stato detto che si tratta di una tecnologia in fase di studio dal 2017, progettata per i medici per ridurre i rischi di contagi e infezioni oculari.

Come funziona?

All'interno dei trattamenti di superficie vengono inserite delle nanoparticelle d'argento per sfruttarne le proprietà germicide. Non è una novità l'uso dell'argento come germicida. Questo materiale tende infatti a danneggiare gli enzimi delle membrane degli agenti patogeni ed é efficace su batteri, alghe e funghi.

E i virus?

Batteri, alghe e funghi non sono virus. Possiamo supporre che siano stati fatti dei test a riguardo, tuttavia non é stata confermata o negata la sua efficacia contro i virus; ho questo dubbio perché non trovo informazioni a riguardo in siti super partes (gli unici siti che ne decantano l'efficacia in tal senso vendono integratori e rimedi naturali).

Possiamo anche supporre che i virus, al di fuori di un organismo vivente, siano più delicati dei batteri:
I batteri sono resistenti e possono convertirsi in spore batteriche e sopravvivere in ambienti estremi!
Possiamo quindi ipotizzare che ciò che danneggia i batteri possa intaccare facilmente anche i virus.

Serve?

Personalmente sono convinto che una buona igiene debba essere alla base dell'uso di qualunque cosa venga a contatto o stia vicino agli occhi. Di certo è un trattamento che si pulisce più facilmente, ma senza una pulizia quotidiana di lenti e montatura risulterebbero poco utili.

Il mio invito é quello di mantenere pulite le lenti e il telaio. Potete sfruttare gli appositi detergenti: i tensioattivi, in essi contenuti, permettono già di danneggiare le membrane lipidiche e molti virus; l'azione meccanica (quando asciugate le lenti) con il panno in microfibra rimuove fisicamente il resto.
Nota: per mantenere a lungo i trattamenti di superficie della lente è bene non usare alcol o detergenti aggressivi! Evitate anche gli ultrasuoni.

Questa semplice operazione, fatta una o due volte al giorno dovrebbe essere sufficiente a ridurre drasticamente il rischio (che é già molto basso) di contrarre una infezione dagli occhiali. Se non badate all'igiene degli occhiali una lente "antivirus" risulterebbe comunque poco utile.

Tornando al nostro trattamento e dandogli un giudizio (estremamente) sintetico: può essere utile ma non fondamentale.

Commenti

  1. Io credo sia una grande operazione di marketing che incontra la sempre più crescente ignoranza data dalla immensa mole di informazioni a cui abbiamo accesso.

    RispondiElimina
  2. Un trattamento superficiale anti-virus sulle lenti senza chiudere l'accesso agli occhi è come proteggersi dal freddo con costume da bagno di lana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ammesso che elimino i virus, offrono protezione da contatto... ad esempio con le ciglia.... ma andrebbe considerato che le ciglia non dovrebbero aver contatto con le lenti.

      La protezione da un impatto frontale, potenzialmente, la potrebbe fare qualunque lente sufficientemente coprente.... ma non dovrebbe avvenire, a meno che qualcuno non ti starnutisca in faccia (e in tal caso ci sarebbero molti altri problemi da considerare, inclusa l'educazione lol)

      Elimina

Posta un commento